Comune di Santa Margherita di Staffora - portale istituzionale

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino

Il nostro Comune aderisce agli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino promosso da Slow Food Italia.

Gli Appennini sono stati per secoli la dorsale dell’’economia italiana, che si basava sulle attività agrosilvopastorali; è una storia che oggi può ancora essere raccontata dai prodotti tipici e dal paesaggio stesso.

Ma negli ultimi decenni hanno visto sminuire il loro ruolo a tutti i livelli. Tutelare la biodiversità tramite la programmazione significa anche tutelare l’uomo e le sue attività economiche.Ecco perché Slow Food Italia nel novembre 2013 convoca gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino in Emilia Romagna riunendo agricoltori, allevatori, artigiani, rappresentanti di consorzi provenienti da tutta la fascia appenninica, per ribadire che solo con un modello di agricoltura collettiva è possibile parlare di futuro.

A marzo 2014, in Umbria abbiamo presentato il Manifesto con il quale vorremmo rilanciare una nuova stagione di rinascita sociale, economica e di riconquista del tessuto di cultura e tradizioni dei territori della dorsale italica.

“Noi, le Comunità dell’Appennino, dichiariamo il nostro amore e il nostro orgoglio di cittadini, agricoltori, artigiani, imprenditori, ricercatori, amministratori, anziani, giovani, bambini, donne e uomini, per il territorio in cui abitiamo e di cui viviamo, o al quale, in tanti modi diversi, siamo legati. Un amore e un orgoglio che nutriamo per la nostra terra madre, e cioè:

  • per le sue risorse naturali;
  • per i suoi boschi;
  • per la sua fauna selvatica;
  • per i prodotti della sua agricoltura;
  • per gli animali allevati nei suoi territori;
  • per le sue tante culture e tradizioni tramandate e rinnovate generazione dopo generazione;
  • per le tante culture e tradizioni di altri luoghi che la arricchiscono da sempre, continuamente;
  • per le sue fragilità, che richiedono la nostra cura e attenzione;
  • per le sue bellezze paesaggistiche risultato del connubio tra la natura e la nostra azione;
  • per coloro che con il loro vivere quotidiano la tutelano.

Riconosciamo l’attuale vulnerabilità ambientale, economica, sociale e culturale dell’Appennino e dichiariamo che inizia oggi una nuova fase di pensiero e di azione sui territori appenninici, che vede la collaborazione di tutte le Comunità dell’Appennino, con i seguenti obiettivi:

Proteggere le risorse ambientali e naturali, riconoscendo il loro valore di bene comune non solo per l’Appennino ma per l’intero paese, anche attraverso il ruolo cruciale delle aree protette che devono diventare laboratori di futuro e modelli per le aree contigue;
Invertire la tendenza allo spopolamento, facilitando la residenzialità, attraverso i servizi ambientali e alla persona, la scuola, la fiscalità, la semplificazione burocratica e il riconoscimento del ruolo delle Comunità nella tutela dell’Appennino, per l’interesse di tutto il Paese;
Proteggere e valorizzare le risorse naturali e la biodiversità selvatica e agricola che sono tra loro interrelate e complementari, rendendo non solo gradevole ma anche gratificante il mestiere di chi sceglie di dedicarsi all’ambiente sia in via diretta sia attraverso la produzione agroalimentare e forestale;
Creare e rafforzare le economie del territorio e delle Comunità, a iniziare da una nuova e consapevole idea di turismo, sperimentando e diffondendo un modello di sviluppo sostenibile, partecipato e fiero delle interdipendenze che costituiscono la forza del territorio appenninico.

I territori dell’Appennino, con la loro storia, cultura, economia e le loro genti, sono una risorsa strategica per il Paese, e possono diventare un laboratorio di innovazione e sperimentazione di nuovi modelli di sviluppo, un serbatoio di idee e opportunità, un luogo, fisico e ideale, di straordinario valore per il futuro dell’Italia.”

 

Pagine collegate

Dipende da: Progetti
Ultima modifica: 11 Settembre 2019 alle 12:07
Non hai trovato quel che cerchi? Contattaci
torna all'inizio del contenuto