Comune di Santa Margherita di Staffora - portale istituzionale

AttivAree Oltrepò BioDiverso

Il nostro Comune Aderisce al Progetto Oltrepò BioDiverso:

Il progetto

Con Oltrepo(Bio)diverso la Fondazione Sviluppo dell’Oltrepo intende valorizzare il territorio collinare e montano pavese, unico spicchio di Appennino in Lombardia.
Il progetto è stato selezionato dalla Fondazione Cariplo, assieme a quello di V@lli Resilienti espresso dalle Comunità Montane di Valle Trompia e Valle Sabbia, nell’ambito del programma intersettoriale AttivAree mirato al rilancio delle aree interne lombarde.

Obiettivo del progetto è fare della biodiversità ambientale d’Oltrepò la leva, basata su trasferimento di conoscenza e supporto allo sviluppo di innovative attività agricole, produttive e di ricerca, per contrastare lo spopolamento, l’isolamento e la stasi produttiva e sociale di queste aree.
Oltrepo(Bio)diverso intende dunque intervenire per valorizzare al meglio la preziosa biodiversità presente in questo lembo di colline e montagne, “territorio lento” a ridosso delle “veloci” e dinamiche aree urbane e metropolitane della pianura padana.
Oltrepo(Bio)diverso, nel concreto delle 25 azioni con cui viene declinato il progetto, vuol dire quindi, per esempio, gestire in modo più avanzato e razionale le ingenti risorse boschive riunite nei consorzi forestali composti da migliaia di piccoli proprietari; favorire l’allevamento dell’unica razza bovina autoctona della Lombardia; incrementare la qualità dei pascoli; operare per il recupero delle terre abbandonate e per la salvaguardia di coltivazioni pregiate, a cominciare dai vigneti, sperimentandone di nuove.
Soprattutto Oltrepo(Bio)diverso è fare della biodiversità, e della ricerca che su questo tema affianca studiosi di quattro atenei (Pavia, Genova, Piacenza e Milano) nell’Open Innovation Center della Penicina varato dal progetto, l’emblema di un ecosistema pregiato ed unico.
Ma Oltrepo(Bio)diverso non investe solo sulla biodiversità dell’ambiente e della natura.
Il progetto interviene incisivamente, con azioni concrete scandite da qui al 2018, per rendere più accoglienti questi territori, sia per chi ci sta sia per chi ci vuole venire a vivere. Prevede infatti il rafforzamento della cooperazione tra tutti i soggetti pubblici e privati che operano nelle comunità locali allo scopo di implementare l’offerta e la qualità dei servizi educativi, formativi, culturali e fornire un più dinamico supporto dalle fasce deboli della popolazione. Altrettanto rilevante è l’azione di innovazione e sostegno per far tornare le località d’Oltrepò meta di un turismo sempre più esigente nell’individuare significative esperienze di incontro con quanto di autentico ed incontaminato offre l’Appennino, con i suoi borghi antichi, la sua natura, la sua cultura, la sua variegata offerta eno-gastronomica.
Senza dimenticare, ovviamente, gli emozionanti percorsi tra crinali e boschi che già portano qui ciclisti e camminatori, bikers e runners. O, più semplicemente, viandanti. Persone in cerca di silenzio e di bellezza, dunque di orizzonti nuovi ed essenziali, indispensabili ai nuovi cammini, anche interiori, di cui ognuno di noi sente, sempre più, il bisogno.

Le azioni

La bussola che guida Oltrepo(Bio)diverso ha quattro punti cardinali

le azioni del progetto Oltrepo(Bio)diverso puntano:

  • alla valorizzazione delle risorse boschive, dei pascoli, delle terre abbandonate
  • a difendere la biodiversità attraverso la ricerca e l’innovazione
  • a supportare sfide produttive in ambito agricolo, ambientale e turistico
  • ad ampliare l’offerta e la qualità dei servizi alla comunità

e vuole avviare

nuovi orizzonti di comunicazione e di confronto per fronteggiare l’isolamento e lo spopolamento delle “aree interne”.

Centro di Innovazione Rurale dell’Appennino di Lombardia

L’Open Innovation Centre, il nuovo centro per l’innovazione aperta che sostiene la nascita di nuove esperienze imprenditoriali in Oltrepò pavese, oggi Centro di Innovazione Rurale dell’Appennino di Lombardia, mette a disposizione del territorio appenninico delle Quattro Province le conoscenze scientifiche multidisciplinari di quattro Università: Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Genova, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (sede di Piacenza-Cremona) al fine di riattivare e supportare il tessuto socio-economico locale attraverso attività di ricerca, innovazione, sviluppo e consulenza.

Le competenze offerte spaziano da: biologia vegetale, scienze forestali, scienze naturali, agronomia, entomologia, viticoltura, coltivazioni erbacee, ecologia, zootecnia e biologia animale, geologia, eco-turismo, protezione ambientale, economia e sviluppo in ambiente rurale, comunicazione, formazione ed educazione.

L’OIC è collocato all’incrocio fra quattro regioni (Lombardia, Emilia, Liguria, Piemonte), nel comune di Romagnese (Pavia), nella struttura de La Penicina, un complesso ricettivo immerso in un’area tra due colli di bosco, sul Monte Penice. Ostello internazionale, location per corsi di formazione e residenza per eventi, la Penicina è ora – grazie al progetto Oltrepò BioDiverso – anche sede dell’Open Innovation Center.

Carta dei Servizi Open Innovation Center

Pagine collegate

Dipende da: Progetti
Ultima modifica: 11 Settembre 2019 alle 12:47
Non hai trovato quel che cerchi? Contattaci
torna all'inizio del contenuto